lunedì 19 gennaio 2009

SANT'ANTONIO ABATE


Protettore degli animali della stalla, da maiali, buoi e cavalli alle galline e i conigli, Sant'Antonio Abate evita loro disgrazie ed epidemie. Per questo nel giorno della sua ricorrenza (il 17 gennaio) e nella domenica piu' vicina a questa data, la tradizione vuole che in molti paesi si benedicano le stalle e si portino a benedire gli animali domestici sui sagrati delle chiese.

Anche quest'anno allevatori e agricoltori di Venaria si sono organizzati ed hanno portato vitelli,cavalli e asini davanti all'ultima chiesa nata sul territorio,dedicata a santa Gianna Beretta Molla, una santa moderna,medico e mamma di tre figli.

Perchè questa scelta ? ha un motivo preciso.
Distante circa 500 metri da questo luogo di culto sorge una "cascina" con un allevamento bovino modello,mi risulta che sia l'unica attualmente in funzione.

E' gestita da una famiglia che da generazioni fa questo mestiere.
Uno dei figli, è il sacerdote che ha officiato la santa Messa. Poi,autodefinendosi "contadino tra i contadini", è uscito a impartire la benedizione agli animali e ai mezzi agricoli che si erano radunati.

A questa festa ho partecipato pure io con la mia banda musicale, è normalmente la prima uscita ufficiale dell'anno che facciamo.
Abbiamo suonato prima in chiesa e successivamente fuori,nonostante il freddo pungente.

Ho notato con piacere che accanto agli animali e ai mezzi agricoli c'erano molti giovani,orgogliosi di portare avanti tradizioni che sembrava dovessero piano piano scomparire!

23 commenti:

  1. bello Sirio, cosa c'è di più vero? di più autentico??
    grazie e ciao A

    RispondiElimina
  2. Vero anche qui ad ischia c'è questa tradizione, oi la sera ogni rione organizza il suo falò.
    Ti auguro un buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  3. Del falò mi ricordo anch'io da bambina...

    Esulto... esiste una santa Gianna? Che bella notizia! Io festeggio l'onomastico il 24 giugno.

    RispondiElimina
  4. Un mestiere che andrebbe riscoperto ...
    Buona giornata ^__^

    RispondiElimina
  5. bello..... mi sto avvicinando e quindio riscoprendo le vecchie tradizione...... certo che suonare al freddo non è il massimo pero' è sempre bello

    RispondiElimina
  6. Ciao Sirio,
    anche a Pianezza, presso il Santuario di San Pancrazio, c'è stata la stessa cerimonia, con benedizione di animali e macchine... senza banda però!
    A presto
    Red

    RispondiElimina
  7. anche a Varese c'è la tradizione del falò di sant'antonio e la benedizione degli animali, però è talmente caotico e pieno di gente che salto sempre! :)

    RispondiElimina
  8. Aliza,grazie a te!
    Sono i mestieri di un tempo,mi sembra che stiano riprendendo quota anche perchè sono un pò meno faticosi,grazie alle attrezzature di oggi.Chi investe in un trattore per esempio,ha una capitale...però so che questi acquisti vengono anche finanziati.

    RispondiElimina
  9. Ciao Nella,penso che sia uno spettacolo fantastico...!

    Ciao,buona serata.

    RispondiElimina
  10. Ciao Stella,fino a poche anni fa neanche io sapevo di questa santa dei giorni nostri!
    I falò per sant'Antonio non sapevo che si facessero,mi hai fatto conoscere una cosa nuova,grazie.

    RispondiElimina
  11. Xpx,da quanto ho visto in questi ultimi anni sembra che sia un mestiere che si sta rinnovando,c'è di nuovo interesse.
    Forse in questo settore siamo sulla buona strada.

    Ciao,a presto!

    RispondiElimina
  12. Ciao Bruno,avevo dei parenti di mia mamma che erano agricoltori e avevano la stalla. Ho dei ricordi bellissimi,peccato che quell'attività la interruppero per due motivi: il primo era l'età avanzata,il secondo che ebbero due figlie femmine che di proseguire non ne vollero sapere...!

    In quanto a suonare...sirio c'è sempre,anche se alla fine avevamo gli strumenti belli caldi e i piedi belli congelati!!

    RispondiElimina
  13. Red, posso immaginare! Al santuario di San Pancrazio ci vado abbastanza,anni fa ho pure suonato al matrimonio di un ex collega,figurati!

    Ciao,buona serata e a presto.

    RispondiElimina
  14. Ciao Lo,sto sentendo che la tradizione del falò è assai diffusa e mi fa piacere!

    In queste situazioni la partecipazione è quasi d'obbligo,diventa praticamente una festa popolare che coinvolge tanta gente.
    Per fortuna in chiesa avevano riservato il posto alla banda...!

    Ciao, a presto.

    RispondiElimina
  15. Quante cose tradizioni ricorrenze e tante altro, soche arrivo molte volte in ritardo, in coda ce sempre del posto.
    Un caro saluto Sirio,
    Tomaso

    RispondiElimina
  16. Anche a Isolabona ieri pomeriggio c'è stata la benedizione degli animali, una bella tradizione ma fatta in "sordina" niente banda e niente falò, una semplice messa....
    Ciao sirio, buona serata.

    RispondiElimina
  17. wow questa cosa nonla sapevo^^... buona serata un bacino

    RispondiElimina
  18. Caro Sirio, qui in Romagna i contadini e gli allevatori di bestiame fanno benedire le stalle. Mio suocero, che era un allevatore, aveva fissato l'immaginetta del Santo sulla porta della stalla.

    Mio marito, che non ha seguito le orme del padre, custodisce però gelosamente l'immagine di Sant'Antonio Abate.

    Grazie per aver ricordato questa bella tradizione.

    Un abbraccio
    annarita:)

    RispondiElimina
  19. Magari cominciassero a scoprire un po' i piaceri della terra oltre quelli dello sballo...

    RispondiElimina
  20. Ciao Sirio, scusa se non sono tornata prima da te!
    Voglio ringraziarti per quello che mi hai scritto, per la tua comprensione.
    Ti saluto affettuosamente, a presto.
    Questa musica di Liszt è stupenda!

    RispondiElimina
  21. effettivamente è una bella festa, i legami con la tardizione non si devono rompere

    RispondiElimina
  22. Sirio,
    una buona serata... Kikka

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven