mercoledì 17 dicembre 2008

NATALE E' VICINO


REGEM VENTURUM DOMINUM. VENITE,ADOREMUS !

Il santo Natale si avvicina. Non è la festa più importante della cristianità,ma senz' altro la più sentita.

Tra le tradizioni popolari di questo periodo dell' anno, due sono quelle prevalenti:la novena in preparazione alla nascita di Gesù e l' allestimento del presepio.

La novena di Natale non rientra nelle preghiere e nei canti "ufficiali",ma è una consuetudine talmente radicata che resiste nel tempo, e viene universalmente riconosciuta.

Durante la mia attività di organista,adesso già di lunga durata,ho avuto modo di assistere alla sua trasformazione.

All' inizio del mio percorso musicale (erano i primi anni 60),la novena di Natale veniva cantata in latino,sullo stile gregoriano.Fu ll Concilio Ecumenico Vaticano II ad apportare modifiche sostanziali,prima tra le quali l' introduzione della lingua madre nella liturgia.

Di conseguenza, anche i canti vennero tradotti per dare modo ai fedeli di "avere voce" durante l' assemblea.

"Piccolo o grande,semplice o elaborato,ricco di personaggi e di addobbi o ridotto all 'essenziale,il presepe fa sempre parte della nostra cultura,dell' arte e,soprattutto,è segno della nostra fede.

Come ogni anno benedirò i bambinelli che nella Notte Santa verranno collocati nei presepi dove si trovano già San Giuseppe e la Madonna,silenziosi testimoni di un grande mistero".

In questo modo Papa Giovanni Paolo II parlava ai fedeli riuniti in piazza San Pietro due settimane prima del Natale,era il 12 dicembre 2004.

Anch' io credo che le tradizioni vadano conservate e tramandate,fanno parte della cultura!

23 commenti:

  1. pienamente in accordo con te, sirio!

    RispondiElimina
  2. A Natale, quando ero piccolo, mamma ci faceva ascoltare col giradischi delle splendide canzoni: tipo bianco natale e molte altre che creavano un'atmosfera unica.
    buona serata ;-)

    RispondiElimina
  3. Ciao Sirio, complimenti per la foto del presepe nell'header! posso chiederti se è il tuo presepe o se è quello di una chiesa?
    Molto molto bello!!!

    RispondiElimina
  4. solitamente le feste mi mettono tristezza pero' il Natale è l'unica che mi piace.......

    RispondiElimina
  5. meraviglioso il tuo presepio, Sirio,
    anche la neve lieve lieve. Sto cercando un aggettivo per il tuo post...ho trovato: vivo!!
    Questo è il segno della salvezza Dio è sceso sulla terra, umile, pieno d'amore per ogni uomo.
    Buon Natale A

    RispondiElimina
  6. Qui si che è vivo lo Spirito del Natale!
    Con un po' di immaginazione sento anche le note del tuo organo diffondersi ovunque...
    Che spettacolo!

    Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Ho un ricordo traumatico del Natale.
    Mio padre portò un ramo d'abete e la nonna decise che non avrei avuto, fino alla befana, la mia caramella quotidiana, poichè doveva servire ad addobbare l'albero.

    RispondiElimina
  8. non poso che essere in sintonia,estrema sintonia...
    un salutone

    RispondiElimina
  9. Ben detto Sirio, le tradizioni vanno tramandate ma soprattutto vanno amate!
    Foto meravigliosa.

    Buona serata Sirio

    RispondiElimina
  10. Laubel ti ringrazio,la condivisioni in queste cose ha un carattere speciale,che va oltre le luci,i regali,la mondanità...!

    Buona serata,a presto!

    RispondiElimina
  11. Anche mia mamma me le cantava... e il lingua originale! acasa mia non c'era giradischi,non ce lo potevamo permettere...

    Ciao xpx,un caro saluto.

    RispondiElimina
  12. Buona serata Andrew,un attimo che ho di tempo e vengo a trovarti.

    RispondiElimina
  13. Ciao Tarkan,provvedo subito:
    Purtroppo non è il mio presepio, la foto è di un particolare del presepe scenografico del Convento dei Cappuccini di Mestre,anno 2006.

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  14. Ciao Bruno,ogni festività ha il suo valore.Il Natale è diverso perchè è un compleanno particolare...!

    A presto.

    RispondiElimina
  15. Ciao Aliza,ho scelto questa foto perchè è essenziale nella sua semplicità,come il messaggio che ci trasmette quel bambinello...
    Grazie per il tuo apprezzamento, a presto.

    RispondiElimina
  16. Cara Stella,il presepio lo vedo così,che più semplice non si può...!
    Una capanna,o grotta che fosse...e mi collego al tuo post "per loro non c'era posto in albergo"...è tutto detto!

    RispondiElimina
  17. Rita,sei la benvenuta!
    Sarebbe molto auspicabile che lo spirito che anima le feste Natalizie non si esaurisse subito dopo.
    Sapiamo purtroppo che in certi stati la pace è una chimera,il messaggio di Gesù bambino non viene ascoltato,anzi,viene calpestato,dimenticato...!

    Un caro saluto.

    RispondiElimina
  18. Ciao BC,non ho nulla contro l'abete ma è una tradizione che lascerei ai popoli nordici,dato che è loro.
    E' proprio vero che i ricordi dell'infanzia lasciano il segno,nel bene e nel male.

    Buona serata!

    RispondiElimina
  19. Grazie asterix,questa condivisione non può che farmi piacere.

    Un caro saluto a te e allo staff !

    RispondiElimina
  20. Gturs,d'accordissimo : come si fa a tramandare le tradizioni se non si amano? Per essere coerenti dobbiamo essere noi i primi ad esserne entusiasti!

    A presto.

    RispondiElimina
  21. Some of the content is very worthy of my drawing, I like your information!
    costume jewelry

    RispondiElimina

Se hai qualcosa da dire fallo pure, ricorda solo le due uniche regole che vigono qua: rispetto per tutti offese per nessuno. Ciao!

Questo blog non consente commenti anonimi.

" La musica é il vincolo che unisce la vita dello spirito alla vita dei sensi, ed é l'unico immateriale accesso al mondo superiore della conoscenza. Nella musica l'uomo vive, pensa e crea".

Ludwig Van Beethoven